Elementary

Non senza qualche piccolo contrasto con la BBC, l’americana CBS propone in questi giorni sugli schermi un nuovo telefilm che vede Sherlock Holmes come protagonista. Non si parla forse di un capolavoro come nella produzione britannica, che vede insieme Benedict Cumberbatch e Martin Freeman, ma anche qui la sceneggiatura è interessante e con qualche spunto originale che può certamente incuriosire. Siamo a New York, dove Sherlock Holmes (Jonny Lee Miller) è appena uscito da un rehab per persone con problemi di droga, e il suo incontro con Watson (qui, donna, interpretato da Lucy Liu) gli è stato imposto dal padre, che desidera che al suo fianco ci possa essere qualcuno di continuo, per controllarlo. I primi scambi tra i due permettono subito di inquadrare i personaggi, ma è giusto un breve momento di interludio prima che Sherlock venga chiamato dal suo contatto nella polizia, e la prima avventura “gialla” inizi.

La versione di Rob Doherty dell’investigatore per antonomasia non si discosta troppo da quello di Moffat/Gatiss: Sherlock è apparentemente folle, indisponente, asociale, e brillante. Coglie le cose con un solo sguardo, elabora le situazioni e scopre metodi e moventi. Ma, e qui il cambio si nota, sembra giocare in modo diverso dal suo alter ego inglese: ogni tanto chiede, ogni tanto accenna a scusarsi, più spesso dell’altro si rapporta con il suo companion, non dall’alto al basso. Gioca a sbagliarsi, fingendo. Sì, qualcosa di diverso c’è, in modo da essere originale, pur nell’inevitabile assonanza. Watson donna poi un po’ spiazza, anche se Freeman è adorabile, mentre Liu è “solo” interessante – almeno nel pilot.

Da seguire? Forse no. Ma non un esperimento di basso livello, e non peggiore di come sarebbe potuto essere la versione americana di Sherlock, se la BBC avesse dato il permesso di “portare” il loro modello alla CBS. Qui, e non è poco, l’America sembra prendersi i suoi spazi nella trama, nonostante l’accento (e il personaggio) così rigorosamente UK da essere stato addirittura presente in una puntata del Doctor Who negli anni 80.

Leave a Reply

Webmaster: Marco Giorgini - mail: info @ marcogiorgini.com - this site is hosted on ONE.COM

Marco Giorgini [Blog] is powered by WordPress - site based on LouiseBrooks theme by Themocracy

%d bloggers like this: